Roma, 31 Ago – Un recente rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) - “ Focus on: utilizzo professionale dell’ozono anche in riferimento a COVID-19. Versione del 23 luglio 2020” (Rapporto ISS COVID-19 n. 56/2020) – ha permesso di fare chiarezza su alcuni utilizzi dell’ozono, sui vantaggi e sui rischi per la popolazione e i lavoratori. Un rapporto che, ad esempio, ha ricordato che riguardo all’efficacia contro il virus SARS-CoV-2, “un’azione disinfettante è, in linea di principio, del tutto plausibile considerando i meccanismi di azione dell’ozono”. Tuttavia non sono, al momento, disponibili “dimostrazioni dirette dell’efficacia ottenute in studi controllati: questa carenza di informazioni validate non è limitata all’ ozono, ma è comune a diversi principi attivi in valutazione come Biocidi”.

 

Il documento indica poi che per l’ozono sono stati poi proposti non solo vari utilizzi, ma anche molte indicazioni terapeutiche in varie patologie con un, “teoricamente possibile”, “effetto benefico in pazienti affetti da COVID-19”.

 

Ne parliamo oggi ritornando a presentare il rapporto - a cura di un Gruppo di lavoro ISS-INAIL – con particolare attenzione ai seguenti argomenti:



0

Comments

Leave A Reply

Your email address will not be published.